Milano – seconda solo a Roma per numero di abitanti, città di diverse sfaccettature e in continua evoluzione.
Milano ha tutto – antichità e modernità, progresso e cultura.
Una città antica, è considerata una di più dinamici in Europa. Qui ci sono La Borsa, le banche più
prestigiose, Expocentre più grande in Europa. Milano è la capitale della moda e del design, ma anche una
città ricca di monumenti e opere d’arte. Il mondo intero conosce il tempio lirico”Alla Scala”.
Tour 1 Giro della città a piedi della città – 3 ore
Castello Medievale Sforzesco (museo con un affresco di Leonardo da Vinci e la “pietà”
Michelangelo, medievale Piazza del Mercato, famosissimo (gotico fiammeggiante)
Duomo, Galleria Vittorio Emanuele II, Teatro alla Scala dall’esterno e
passeggiata nel quartiere di Brera – Montmartre milanese.
Tour 2 City tour in auto – 3 ore
Castello Sforzesco, l’Arco della Pace, l’Arena di Napoleone, la chiesa di Santa Maria delle
Grazie, chiesa di S. Ambrogio, Anfiteatro Romano, “Navigli” – un pittoresco
quartiere in cui il conservati antichi canali, quartiere della moda,
Stazione Centrale del periodo di Mussolini, grattacielo Pirelli, ed il Cimitero Monumentale
il Duomo, la Galleria Vittorio Emanuele II, Teatro Alla Scala

Tour 3. Centro storico – 3 ore pedonale
Cattedrale con la passeggiata sul tetto della cattedrale, e
discesa in scavi archeologici (resti dei monumenti paleocristiani – Battistero e la Chiesa
SM Maggiore), Galleria Vittorio Emanuele II, Teatro alla Scala e il Museo del Teatro
.
Tour 4 Cimitero Monumentale e il quartiere di Brera – 3 ore
Cimitero chiamato museo a cielo aperto, ci sono capolavori di scultura dell’inizio del secolo e le tombe
dei personaggi famosi – Toscanini, Manzoni, Marinetti, ecc. Nel quartiere di Brera, oltre a deliziosi caffè
all’aperto, come a  Parigi, ci sono i negozi più antichi e negozi di antiquariato. Qui
è la sede del più famoso giornale italiano Corriere della Sera, gallerie di artisti contemporanei, Galleria di
Brera e l’Accademia di Belle Arti.

Tour 5 Monastero di Santa Maria delle Grazie, e “L’Ultima Cena” di Leonardo da Vinci
Attenzione! Solo su prenotazione. 1 ora
Importantissima nella storia dell’arte, questa chiesa deve la sua fama a
Donato Bramante e Leonardo da Vinci. Abside della chiesa costruita dal Bramante è sorprendente
prova della architettura spaziale del Rinascimento. Nelloo stesso periodo Leonardo ha dipinto sulla
parete del refettorio del monastero il “Cenacolo”, il suo più grande capolavoro. Molte volte
sottoposta a restauro, il più recente è durato 20 anni e si concluse solo nel  1998 .

Milano Musei – durata 2 ore
1. Pinacoteca di Brera (capolavori dell’arte italiana XIV/ XX secoli), per esempio, La Pala di Urbino di Piero
della Francesca,”Sposalizio della Vergine” di Raffaello, “Cristo morto” di Andrea Mantegna, “Pietà” di
Giovanni Bellini, “Cristo alla Colonna” Bramante “Cena in Emmaus” del Caravaggio. Ci sono inoltre quadri
del periodo metafisico e del movimento Novecento italiano.
2. Museo della Scienza e della Tecnologia. Leonardo da Vinci ( le invenzioni del grande genio), ma a parte
questo anche vecchi treni, tram, barche e persino un sottomarino vero!)
3. Ambrosiana (il primo museo milanese inaugurato nel 1618 nel palazzo dell’arcivescovo), capolavori
come “Musico” di Leonardo da Vinci “Canestra” di Caravaggio, “Madonna” di Botticelli, cartone di Raffaello
per “La Scuola di Atene "

4. Cappella Portinari – cosiddetta “Cappella Sistina” di Milano, tutto ricoperta con gli affreschi del Foppa
famoso artista lombardo, con la famosa reliquia – teschio di San Pietro Martire.
5. Il Museo dello stadio di San Siro con una visita agli spogliatoi, nonché cavallo di Leonardo da Vinci.
6. ! “Teatro alla Scala” – esclusivo tour sul palco e nelle sale, normalmente chiusi al pubblico. Solo su
prenotazione!

Itinerari tematici per 6 ore solo in auto
1. Bramante, Leonardo, e duchi Sforza
Chiesa di S. Satiro, Pinacoteca Ambrosiana, Museo Scienza e Tecnologia, il Monastero di Santa Maria
delle Grazie, Corso Magenta, i palazzi e la Chiesa di S. Maurizio, il Castello Sforzesco.
2. Neoclassico e Liberty
Villa Reale, il parco in stile inglese e la Galleria d’Arte Moderna. Palazzi sul viale Venezia. Palazzi in
Conservatorio (direttore d’orchestra Toscanini, Durin, Sormani, Campanini, ecc)
3. L’architettura del XX secolo
Stazione di via Garibaldi, Melchiorre Gioia, Grattacielo Pirelli, Stazione Centrale, lo stadio di San Siro,
quartiere QT8
4. Milano XXI secolo
Teatro degli Arcimboldi, Quartiere residenziale Bicocca , nuovo Expocentre
5. Gastronomiche Milano
la patria del “Panettone” e risotto giallo, nella città dove gli uomini d’affari non rinunciano al piacere di
buon cibo, dove c’è il mercato del pesce più grande d’Italia, dove si possono ammirare le vetrine di negozi
di alimentari vecchio stile e sedersi in caffe frequentati da Verdi, la Divina Maria Callas o i futuristi.

!
Shopping
1. Una Mecca per i fashion victim – il quadrilatero della moda (via Montenapoleone, Spiga, S. Andrea), con
negozi dei designer di alta moda. (Armani, Cavalli, Chanel, etc)
Quasi ogni stagione, aprono nuovi marchi e chiudono altri, è difficile orientarsi con tutti questi cambiamenti,
vi aiuterò a spostarvi velocemente nell’ambiente.
2. Zona Brera con negozi d’arte, antiquari, boutique e locali alla moda.
I veri milanesi hanno sempre preferito vestirsi qui, lontano dalla folla dei turisti. Qui sarete accolti come
vecchi conoscenti e acquisterete la moda modesta ma veramente elegante.
3. Negozi storici
Tour dei luoghi più antichi e raffinati (artigianato, negozi delle rarità e atelie)
Questo è lo shopping più interessante, senza un obiettivo l’acquisto, solo per divertimento.
4. prezzi competitivi – I negozi per la media borghesia milanese.
Nascosti nelle viuzze, nei cortili e nei scantinati si trovano affari a buon mercato.
5. Fiere e mercati delle pulci
Qui si può comprare di tutto, Versace a 5 euro, una giacca di pelle a 30 euro, cachemire a 100 euro cose
come l’oro, oggetti d’antiquariato, di tutto e di più.
6. outlet, spacci.
indispensabile per gli affari della moda, e inoltre, ora anche le persone che possono permettersi di
spendere di più, preferiscono vestire qui. Outlet ora sono di moda!